logoministero litlogomiur lit

  • slide-01.png
  • slide-02.png
  • slide-03.jpg
  • slide-04.JPG
  • slide-05.JPG
  • slide-06.jpg
  • slide-07.jpg
  • slide-08.jpg
  • slide-09.jpg
  • slide-10.jpg
  • slide-11.jpg
  • slide-12.jpg
  • slide-13.jpg
  • slide-14.jpg
  • slide-15.jpg
  • slide-16.jpg
  • slide-17.jpg
  • slide-18.jpg
  • slide-20_1.jpg
  • slide-20_1.png
  • slide-20_2.jpg
  • slide-20_2.png
  • slide-20_3.jpg
  • slide-20_3.png
  • slide-20_4.jpg
  • slide-20_5.jpg
  • slide-20_6.jpg
  • slide-20_7.jpg
  • slide-20_8.jpg
  • slide-20_9.jpg
  • slide-20_10.jpg
  • slide-20_11.jpg
  • slide-20_12.jpg
  • slide-20_13.jpg
  • slide-20_14.jpg
  • slide-20_15.jpg
  • slide-20_16.jpg
  • slide-20_17.jpg
  • slide-20_18.jpg
  • slide-20_19.jpg
  • slide-20_20.jpg
  • slide-20_21.jpg
  • slide-20_22.jpg
  • slide-20_23.jpg
  • slide-20_24.jpg
  • slide-20_25.jpg
  • slide-20_26.jpg
  • slide-20_27.jpg
  • slide-20_28.jpg
  • slide-20_29.jpg
  • slide-20_30.jpg
  • slide-20_31.jpg
  • slide-20_32.jpg
  • slide-20_33.jpg
  • slide-20_34.jpg
  • slide-20_35.jpg
  • slide-20_36.jpg
  • slide-20_37.jpg
  • slide-20_38.jpg
  • slide-20_39.jpg
  • slide-20_40.jpg
  • slide-20_41.jpg
  • slide-20_43.jpg
  • slide-20_44.jpg
  • slide-20_45.jpg
  • slide-20_46.jpg
  • slide-20_47.jpg
  • slide-20_48.jpg
  • slide-20_49.jpg
  • slide-20_50.jpg
  • slide-20_51.jpg
  • slide-20_52.jpg
  • slide-20_53.jpg
  • slide-20_54.jpg
  • slide-20_55.jpg
  • slide-20_56.jpg
  • slide-20_57.jpg
  • slide-20_58.jpg
  • slide-20_59.jpg
  • slide-20_60.jpg

Mantenere le distanze! Ce lo dobbiamo ricordare tutti i giorni, un promemoria sempre attivo, una sveglia che puntualmente suona, che ci ricorda di stare lontani e di cui a volte ci dimentichiamo. Ce ne dimentichiamo istintivamente! Lo sapevamo già prima, ma oggi ce lo ricordiamo più che mai: siamo fatti per stare vicini, per sentirci. Siamo fatti per toccarci le mani, per conoscerci, per conversare guardando le bocche. Siamo fatti per abbracciare.

Mai come oggi ne abbiamo sentita l'esigenza e così abbiamo messo in campo tutta la nostra creatività per festeggiare!

Oggi possiamo solo immaginarceli, gli abbracci che vorremmo dare, teneri, profondi, caldi, possiamo stilare una lista, e promettere di spuntarla tutta, e poi farlo davvero. Perché mai siamo stati più consapevoli di questa fame di contatto, e non appena possibile correremo il rischio di chiederli tutti, gli abbracci che vogliamo. E quanto saranno forti quelli che daremo!!!!

Da un'esperinza di classe seconda primaria, accompagnati dalla docente Maria Marchetta.

0a1

 

In classe quinta primaria gli alunni hanno costruito la loro casa a più piani, diventando "architetti"! Hanno poi fotografato realmente la loro abitazione, diventando veri e propri "fotografi". Ancora, hanno descritto e riportato alla classe tutte le informazioni diventando "reporter".  Vogliamo aggiungere la competenza linguistica? Descrivere alla classe in inglese il loro ambiente familiare.

Grande soddisfazione per il lavoro ottenuto da parte di tutti e soprattutto dell'insegnante che li ha accompagnati in questa attività: la docente Ricci Valentina. 

Riportiamo sotto il video che documenta l'esperienza.

 

 

 

 

 

0m1

Il gioco può sembrare addirittura una perdita di tempo, al limite un passatempo o un momento di relax, ma non viene mai abbinato all'apprendimento in maniera sistematica a strutturata.

"...nel gioco è come se il bambino crescesse di un palmo" cfr Dewey

Proprio perchè siamo convinti della validità del GIOCO, per rendere più coinvolgente l'apprendimento abbiamo progettato e realizzato un memory che potesse farci divertire e, contemporaneamente, allenarci al riconoscimento delle parole con le doppie.

Ecco allora che i bambini della classe seconda hanno costruito personalmente il gioco con tesserine, forbici, colla e pennarelli... da fare in classe ma anche a casa per sfidare genitori o fratelli.

Risultato? Un successo!

Maestra Ludovica Spisani

 

0p1

Martedì 26 gennaio 2021 alle ore 20:30 si terrà, in videoconferenza, un incontro destinato ai genitori degli alunni della scuola primaria, per presentare il nuovo sistema di valutazione e la nuova scheda di valutazione, che sarà in uso fin dal primo quadrimestre di questo anno scolastico.
L'incontro sarà presieduto dalla Dirigente Scolastica che introdurrà questo importante cambiamento. I relatori saranno i docenti Bosi Davide (animatore digitale) Gabrielli Elisabetta (Funzione strumentale  PTOF e referente progetti di istituto), Marchetta Maria (team innovazione), Rigliaco Tatiana (funzione strumentale valutazione). Nella "nuova pagella"ci saranno  i giudizi descrittivi al posto dei voti in decimi. È quanto stabilito nella Ordinanza del 4 dicembre emanata dal Ministro dell'Istruzione.

Abbiamo pensato ad un incontro Scuola-Famiglia per aprire un dialogo educativo reale e costruttivo al fine di convergere alla ricerca del "migior bene" del bambino. Vi aspettiamo certi del Vostro interesse.

Segue il link per registrarsi e poter partecipare alla serata  https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSefeG_v46kC3vG7gt80qdRXLf32BzvONgILdOx3iuC2U-3VJA/viewform?usp=pp_url

Lo Staff

0v

Le insegnanti di IRC Russo Carmela e Fanelli Giacinta, con la collaborazione dei colleghi che svolgono attività alternativa, per promuovere la giornata della memoria e il ricordo delle vittime della SHOAH , aderiscono da anni  al progetto "CROCUS" proposto dalla fondazione irlandese per l'insegnamento dell'olocausto (heti) . Il progetto vuol essere un modo tangibile per introdurre gli alunni delle classi quinte della primaria all'argomento dell'OLOCAUSTO, per aumentare in loro la consapevolezza dei pericoli, della discriminazione, dei pregiudizi e dell'intolleranza . La Fondazione ha distribuito i bulbi di Crocus gialli da piantare in memoria dei bambini ebrei che furono vittime dell'atrocità nazista; fioriranno tra la fine di gennaio e gli inizi di febbraio, proprio nel periodo della Giornata Mondiale in Memoria delle Vittime dell'Olocausto (27 gennaio). 
Accogliamo questo progetto come preziosa occasione di formazione, riflessione , nonché un importante momento di collaborazione con il fine comune della memoria, della crescita e della speranza.

Bravi i nostri ragazzi!

 

Il 2021 è l'anno in cui si terranno le celebrazioni per ricordare i 700 anni dalla morte del sommo poeta Dante Alighieri. E' per questo che già dal mese di ottobre una classe quinta del plesso di Penzale ha intrapreso la lettura e l'analisi della sua opera più importante, la Divina Commedia. Attraverso un percorso didattico strutturato e programmato ci si è posti lo scopo di far riflettere i ragazzi su tematiche che permettano loro di approfondire valori umani e morali; ad ogni personaggio incontrato è stato proposto infatti l'approfondimento di un'emozione. Ed ecco che all'entrata del Purgatorio i ragazzi, come Dante e Virgilio, hanno incontrato Catone, che incarna il simbolo della libertà. Attraverso riflessioni guidate gli alunni hanno potuto ragionare su cosa significa per loro essere liberi e, mai come in questo periodo storico che stiamo vivendo, hanno potuto esprimere i loro sentimenti su questo concetto. Lo hanno fatto attraverso la tipologia testuale della lettera, forse un po' desueta visto l'era tecnologica e digitale che viviamo, ma che ha permesso loro di trascrivere le loro sensazioni. Hanno inoltre costruito la busta, disegnato il francobollo e inventato l'indirizzo di Catone, a cui hanno dedicato i loro testi.
Il video che segue raccoglie le lettere che sono state scritte: prendiamoci un po' di tempo per guardarlo con attenzione perché le riflessioni che ne sono uscite meritano!!!! (Maestra Calzolari Rossella)

 

"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza"

(Inferno, XXVI, 119-120)

Menu Progetti

Link Utili

Torna su