ISTITUTO COMPRENSIVO
“GIOVANNI PASCOLI”
CENTO (FE)

“Una scuola di qualità per un futuro di possibilità”

Gita scolastica a Verona

AVE LETTORI, DISCIPULI TUI SALUTARET.
Ave! I ragazzi di 5B e 5E salutano in latino.
Vi chiederete perché ed eccovi subito accontentati: perchè il 5 aprile ci siamo recati a Verona, antica città in cui una grande e imponente civiltà ha lasciato diversi segni indelebili, oltre che luogo degli eterni innamorati Giulietta e Romeo, famosa opera scritta da William Shakespeare...anzi no, da lui resa famosa ma il primo vero scrittore è stato un autore veneto, Luigi da Porto. Che bella scoperta è stata questa!

verona 1

Ma torniamo a noi e a Verona.
Arrivati a destinazione, la nostra avventura ha inizio.
"Ecco l'Adige!", abbiamo esclamato , puntando l'indice verso quella grande massa d'acqua un po' turbolenta( come noi). E' lui a darci il benvenuto, mentre osserviamo la sua estensione dall'alto di un ponte.

 


Proseguiamo il cammino per raggiungere la famosissima Piazza Bra, dove ci attendevano le nostre guide, Giulia e Michelangelo. In loro compagnia, ci siamo incamminati verso via Postumia, importante via di collegamento, soffermandoci ad ammirare varie testimonianze dell'epoca romana: Porta Giove, oggi Porta Borsari, il Foro( ora sede della piazza principale) dove si svolgeva il mercato e sede dell'antico Campidoglio( tempio principale nel quale si veneravano Giove, Giunone e Minerva), la Curia ( l'antico Municipio) e per finire la Basilica( l'antico Tribunale).
Ma lo spettacolo che ha catturato di più la nostra attenzione è stato proprio "lui" l'antico anfiteatro:
l'ARENA DI VERONA.
Il terzo anfiteatro più grande in Italia, ovviamente il primo in assoluto è il Colosseo. Tanto onore.
Voi sapete quale fosse la funzione dell'Arena e il significato della parola "arena"? Beh, lo spieghiamo.
All'interno di esso, venivano offerti al pubblico degli spettacoli "un po'" violenti, ma che divertivano tanto l'Imperatore e, ovviamente, il popolo. Mentre il significato di arena è "sabbia": essa serviva ad assorbire il sangue degli animali e dei gladiatori feriti o uccisi quando l'Imperatore abbassava il pollice.
Ecco la famosa frase dei gladiatori quando si presentavano davanti all'Imperatore prima del combattimento all'ultimo sangue:
AVE CAESAR, MORITURI TE SALUTANT
Gli spettacoli erano basati principalmente sui duelli tra gladiatori e animali, durante i quali si combatteva o fra due gladiatori oppure fra un gladiatore e un animale feroce. Alla fine uno dei due aveva la peggio.
Sapete? Anche noi abbiamo impersonificato sia i gladiatori sia gli animali simulando dei combattimenti e indossando armature e maschere. L'interpretazione che abbiamo fatto è stata a dir poco stupenda, con una innovazione però rispetto ai veri gladiatori: quando l'Imperatore metteva il suo pollice giù, sapete che cosa usciva dal corpo del gladiatore trafitto dalla spada? Voi penserete sangue! La nostra risposta è: risate, risate e ancora risate.
Questa gita è stata davvero indimenticabile, è stato un po' come fare un tuffo nel passato.

verona 4

 

 

Gli alunni della 5E e 5B.

Iscrizioni 2019/20

iscrizioni scuola 2019 2020

 

open day primaria e secondaria

 

open day infanzia

Area docenti

Area privata per i docenti dell'Istituto. Attraverso questa registrazione è possibile scaricare circolari e materiali utili.

Notizie in evidenza

Pago in rete

 

    accedi

 

 

   regisdtrati

 
 
 
 
 
 
 
banner lascuolainchiaro
 
donazioni
 
aicq
  
 

Il sito www.gpascolicento.gov.it utilizza i cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.